Chiamati a profezia!

Noi non cerchiamo un “altro” mondo, perché “questo” è brutto. Speriamo piuttosto che questo mondo, e non un altro, veda il tempo del suo riscatto. E perché non sembri una proiezione mitica o uno slancio dell’illusione, bisogna che questo “tempo” si avvicini. Qualcosa deve affiorare nel presente a mostrare che quel tempo ha già libertà di movimento in questa storia. Tenere alto il senso per un “mondo come si deve” e un “Regno dei cieli” che sia già vicino.

Condividi sui social: